mafia politica giustizia … Dell’Utri non risponde ai pm


In Italia non fa scalpore, non da fastidio che un politico è coinvolto in processo che riguardano la mafia,
che è inoltre stato condannato a nove anni in primo grado per concorso esterno in
associazione mafiosa!!
anzi mettiamolo in senato !!! evvaiiii PS: posso venirci anche io o devo fare qualche stronzata prima
per essereben accettato  ??
La colpa principale è che tanti politici e anche “importanti” accettano questa situazione …
perchè si sa che se un comportamento non viene combattutto dall’alto chi sta più in basso si sente libero di farlo, ricordando però che le rivoluzioni partono + dal basso che dall’alto …
 ma spero che per migliorare non servano sempre quelle
la seconda è che l’informazione di massa ci racconta solo quello che vogliono i politici …
Dell’Utri non risponde ai pm

7 ottobre 2008 – di Monica Centofante
Palermo
. Lo
scorso 6 ottobre, con una lettera inviata ai magistrati della Direzione
distrettuale antimafia di Palermo, il senatore Marcello Dell’Utri (Pdl)
ha comunicato la sua volontà a non prendere…

parte  all’interrogatorio per il quale era stato convocato dai pm
nell’ambito dell’inchiesta su mafia, massoneria e imprenditoria
denominata Hiram.


Per rispondere di una serie di fatti e contatti inseriti nel contesto
della sua collaborazione con il faccendiere Rodolfo Grancini, secondo
la magistratura “una personalità poliedrica” collegata a senatori e
deputati e presidente a Orvieto del Circolo del Buon Governo dello
stesso Dell’Utri.


Chiamato in causa da una serie di conversazioni intercettate nelle
quali parlava anche con il senatore del Pdl di incontri e programmi
comuni – incontri che sarebbero poi avvenuti a Roma – Grancini è
indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Ed è considerato
figura chiave dell’inchiesta condotta a Palermo dal procuratore
aggiunto Roberto Scarpinato e dai sostituti Paolo Guido, Fernando Asaro
e Pierangelo Padova. Sfociata nell’ordinanza di custodia cautelare che
lo scorso 17 giugno aveva portato all’arresto di otto persone tra
professionisti, medici, imprenditori, boss mafiosi e alcuni membri di
logge massoniche. Tutti accusati, a vario titolo, di concorso esterno
in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari, peculato,
accesso abusivo in sistemi informatici giudiziari e rivelazione di
segreti d’ufficio.


Gli indagati, spiegano gli inquirenti, erano tutti parte di un
raffinato ingranaggio messo a punto per “aggiustare” processi in
Cassazione. Anche per boss mafiosi della portata di Giovan Battista
Agate, uomo d’onore della “famiglia” di Mazara del Vallo e fratello del
più noto Mariano Agate, storico capomandamento mazarese.


Marcello Dell’Utri, si legge nelle carte dell’inchiesta, era apparso
nelle attività di appostamento della Polizia Giudiziaria, dopo essere
stato più volte chiamato in causa dagli indagati nel corso delle
intercettazioni. Quella del 9 ottobre del 2006 per esempio, quando
Grancini e l’agente di Polizia Francesca Surdo,  ben disponibile a
fornire notizie riservate su indagini di polizia giudiziaria o su
denunce pendenti, commentavano soddisfatti una non meglio specificata
assoluzione del senatore Dell’Utri, che in tono confidenziale
chiamavano: “Marcello”. O quella del 3 luglio dello stesso anno quando
i due interlocutori facevano riferimento ad un processo per assegni a
vuoto cui era sottoposto il Grancini e che era stato rinviato a luglio.
Operazione, spiega quest’ultimo all’amica, con la quale “ho coperto
Marcello”.


Di estremo interesse anche una successiva conversazione nella quale in
riferimento a “Marcellino”, Rodolfo racconta dei suoi incontri con alti
ufficiali delle forze dell’ordine che per il tramite di Dell’Utri
poteva vedere riservatamente in luoghi difficilmente intercettabili.
Ergo: nelle sacrestie della Chiesa, “dove non ci sono microspie”. “Da
lui – continuava il faccendiere in riferimento al senatore – ci vedo
Generali, colonnelli dei Carabinieri”, “un colonnello di Asti, uno di
Prato, un altro del Ministero di Grazia e Giustizia”. “Mi sono venuti a
parlare dentro la chiesa”, “oppure li porto sopra nelle stanze segrete,
perché volevano scendere in politica”. Uno di questi, a dire del
Grancini, ci avrebbe provato. E’ il colonnello dei Carabinieri
Filipponi, “che sta al Ministero di Grazia e Giustizia, con l’Udc”, che
“però non è stato eletto”.


“Perché per essere eletto – concludeva – ci vogliono un sacco di soldi,
perché non ti devi fidare degli amici, hai capito? Ti devi fidare dei
nemici, perché i nemici si comprano e diventano fedeli”.


E non è escluso che la chiesa utilizzata per gli incontri riservati sia
quella romana di Sant’Ignazio di Loyola, gestita dal gesuita Padre
Ferruccio Romanin. Il religioso che, secondo quanto accertato dalle
indagini, avrebbe provveduto a redigere lettere indirizzate a diverse
Autorità Giudiziarie per perorare la posizione processuale di diversi
indagati o condannati, tra i quali Epifanio Agate e Dario Gancitano.
Naturalmente su commissione e dietro compenso in denaro fornito dal
Grancini.


Ora, si attendono gli esiti delle indagini e delle perquisizioni, ad
Orvieto, della sede del Circolo del buon governo presieduta dallo
stesso Grancini, dove sarebbero stati sequestrati computer e documenti
che gli inquirenti hanno definito “interessanti” ai fini dell’indagine.


Mentre lo scorso 6 ottobre ottobre, nel motivare la sua decisione di
non presentarsi al cospetto dei giudici, il senatore Dell’Utri ha fatto
presente che si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere perché
indagato di reato connesso. Dal momento che a Palermo è già stato
condannato a nove anni in primo grado per concorso esterno in
associazione mafiosa.
preso da www.antimafiaduemila.com

Annunci

La vita… è la poesia preferita dell'universo

Tagged with: , , , ,
Pubblicato su mafia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: