7 miliardi l’anno per inalare veleni. Grazie Berlusconi!


Ottobre 28th, 2008

Un ragazzino di 13 anni di Taranto sta combattendo contro un tumore al polmone tipico dei fumatori incalliti. Gli è stato diagnosticato quando ne aveva 10, ossia da quando l’Ilva non paga più l’ici al municipio di questo comune che è il più inquinato di tutta l’Europa occidentale.
Anche i bambini di Milano verso i 10 anni hanno i polmoni asfaltati di catrame e veleni come quelli dei fumatori incalliti. Un neonato a spasso per il capoluogo lombardo riempie i bronchi di monossido di carbonio nel giro di un’ora. La pianura padana da Torino a Rimini è la più inquinata d’Europa senza soluzione di continuità.

I dettami del protocollo di Kyoto sul contenimento delle emissioni e l’aumento delle fonti rinnovabili che l’Ue ha assunto a modello, sono per l’Italia un volume di geroglifici. Tanto che Bruxelles non concederà nessun allungamento dei tempi come ha già chiesto Berlusconi su lamentela di Confindustria, visto che per l’Italia inadeguata il termine del 2020 è rimandato ai posteri stile Renzo Bossi. Barroso ha smentito per l’ennesima volta il piduista ribadendo che siccome la crisi finanziaria non riduce la minaccia del cambiamento climatico, salvare il pianeta non è un optional. Ebbene, mentre Germania, Francia e Inghilterra hanno già avviato politiche di adeguamento, l’Italia preferisce pagare le multe per continuare ad inquinare l’aria come prima più di prima. L’importo sarà di 7 miliardi di euro l’anno già a partire da quest’anno come dice nell’intervista il consigliere regionale lombardo dei Verdi Marcello Saponaro, che per l’Italia ha addirittura evidenziato un aumento delle emissioni inquinanti negli ultimi anni.

Berlusconi, lo stesso che abbiamo fra le palle dal 1994, preferisce proteggere i portafogli degli Agnelli auto e dei Moratti petrolieri passando direttamente alle centrali nucleari. Dopo aver inutilmente chiesto la sospensione del pacchetto multe e il rinvio dell’adeguamento al protocollo di Kyoto per voce di Franco Frattini Bahamas, la commissione attività produttive di Montecitorio ha già votato il pacchetto energia nucleare collegato alla Finanziaria.
L’intesa bipartisan istituisce l’ Agenzia del nucleare che si occuperà di coordinare i progetti di collocazione e realizzazione delle centrali sulla spinta del ministro per lo Sviluppo dei voli ad personam Claudio Scajola, secondo il quale “il nucleare è un tassello fondamentale della nuova politica energetica del Paese”.
L’ esecutivo si prepara a superare le resistenze degli enti locali sugli espropri, e non dà una sola indicazione su come e dove saranno smaltite le scorie che il nucleare produrrà. Prepariamoci a nuove rivolte stile “Dal Molin”.

preso da http://www.danielemartinelli.it

ma che si vergonino ! non possono decidere della nostra salute e del nostro futuro delle persone così antiquate  ??

dal contrasto alla diminuzione dell’inquinamento

al nucleare dove ci raccontano un mare di balle ! non conviene e non porta guadadni anzi spese e spese .. dalla costruzione al grandissimo utilizzo di acqua !! tantissima acqua ….c’è il pericolo delle scorie poi dove le mettiamo ?? inoltre c’è anke il pericolo dell’estrazione dell’uranio durante la quale si libera radon gas radioattivo : da wikipedia  ”

Rischi associati all’estrazione [modifica]

Dato che l’uranio emette radon, un gas radioattivo, nonché altri prodotti di decadimento altrettanto radioattivi, l’estrazione mineraria di uranio presenta pericoli ulteriori che si sommano a quelli già esistenti nell’attività del minatore. Le miniere di uranio che non siano “a cielo aperto” richiedono adeguati sistemi di ventilazione per disperdere il radon.

Durante gli anni cinquanta molti dei minatori statunitensi impiegati nelle miniere di uranio erano nativi Navajos, dato che molte delle miniere erano collocate nelle loro riserve. A lungo andare molti di essi svilupparono forme di cancro al polmone. Alcuni di loro e dei loro discendenti sono stati beneficiari di una legge che nel 1990 ha riconosciuto il danno loro arrecato.”

Rubbia spiega i problemi del nucleare a Casini

Annunci

La vita… è la poesia preferita dell'universo

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su ambiente, energia, mafia, Notizie e politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: